[corteo 12 dicembre – strage di stato] Ricordare le stragi di ieri, fermare le guerre di oggi

corteo 12-12-2015

Sabato 12 dicembre 15:30 Porta Venezia
Corteo cittadino antifascista e antirazzista
Ricordare le stragi di ieri, fermare le guerre di oggi

Il 12 dicembre 1969, una bomba scoppiava in Piazza Fontana. Una bomba, che facendo 17 morti e decine di feriti unita alla morte dell’Anarchico Giuseppe Pinelli assassinato tre giorni dopo nella questura di milano, inaugurava la “Strategia della Tensione”, ovvero la costruzione sistematica di paura volta a criminalizzare i movimenti sociali e le richieste di diritti e libertà che in quegli anni riempivano le strade.

Oggi, 46 anni dopo, vediamo come, in italia e in altre parti del mondo, la strategia della paura, della criminalizzazione verso chi pretende diritti per un futuro e una vita migliore, non sia cambiata: dalle piazze xenofobe di salvini & co, ai muri di orban, alle sparizioni forzate in messico, alle stragi ad ankara, suruç e dyarbarkir.
Come 46 anni fa, i poteri politici, economici e militari hanno tutto l’interesse a bloccare ogni spinta e autorganizzazione dal basso che metta ulteriormente in crisi un modello economico globale basato sulle speculazioni, l’espropriazione di terre e diritti, lo sfruttamento di miliardi di persone e territori in tutto il mondo. Oggi come ieri, ciò che vediamo attuarsi non è altro che uno status quo che cerca di rimanere inalterato: alle destabilizzazione di intere aree del pianeta fatta dalla speculazione economica e dai bombardamenti della guerra di turno, si risponde con nuove guerre e vendite di armamenti; alle lotte dei contadini e delle popolazioni locali per l’autodeterminazione dei territori si risponde con il landgrabbing, l’espropriazione di terre, le coltivazioni terminator, lo sfruttamento; a quante e quanti si spostano dalle loro terre alla ricerca di un futuro più degno, rivendicando un diritto alla mobilità che sia di tutte/i a prescindere dal passaporto, si risponde con muri, eserciti alle frontiere e respingimenti… quando non direttamente con il bombardamento dei barconi.

Oggi la tensione e la paura sono esportate a livello globale per coprire la crisi economica che il neoliberismo stesso ha creato e per cui adesso cerca nuovi capri espiatori: diventano così il nemico da additare i Kurdi in turchia che combattono contro una discriminazione decennale e la repressione del governo erdogan, i Palestinesi adesso colpevoli addirittura (in una totale riscrittura della storia) di aver istigato la Soluzione Finale di hitler e l’Olocausto, mentre nelle strade della “democratica” europa continua la caccia al migrante, all’uomo nero accusato di “rubare la casa e il lavoro”, alimentando così la guerra tra poveri.

Ancora, a 46 anni di distanza, vediamo come anche gli attori non siano poi molto cambiati: nel 1969 i fascisti armati da cia e servizi segreti con la complicità della democrazia cristiana, oggi sempre i fascisti che siano di casapound o della lega di salvini in italia, del front national della le pen in francia, di alba dorata in grecia, quando non sono direttamente coinvolti nel governo come in ungheria, polonia, austria…

Lo stesso vale anche per il Medio Oriente e il Nord Africa, dove i servizi segreti di mezza nato e le petromonarchie del golfo loro alleate hanno finanziato organizzazioni come daesh e al-nusra per anni, armandoli, addestrandoli e utilizzandoli per i propri fini, salvo poi dover fare i conti con le mostruosità prodotte, come ha ricordato la strage di parigi.

L’europa bombarda in Africa e Medio Oriente da decenni e oggi si arma per difendere le proprie frontiere dai migranti che essa stessa ha contribuito a creare. Pur di fermare con ogni mezzo chi scappa da guerra e miseria, l’europa cerca l’accordo con governi come quello di erdogan, che daesh non l’ha mai combattuto, ma in cambio bombarda i Kurdi che lottano contro daesh.

Ricordare la Strage di Piazza Fontana, oggi come ieri, non è un semplice esercizio di memoria. È una scelta partigiana, di rifiuto della paura e della guerra tra poveri che ci vengono proposte, e di lotta per i diritti, per un futuro degno, libero e sostenibile per tutte e tutti.

Rifiutiamo la retorica del mostro sbattuto in prima pagina: ricordiamo bene gli Anarchici Valpreda e Giuseppe Pinelli, il primo rimasto in galera innocente per anni, il secondo assassinato nei locali della questura di milano la notte tra il 15 e il 16 dicembre del 1969.
Ricordiamo anche Saverio Saltarelli ucciso un anno dopo mentre manifestava per affermare che Piazza Fontana fu una strage di stato e che Pinelli era stato assassinato.

Scegliamo di essere ancora oggi nelle strade e nei quartieri della nostra città, tessendo reti solidali, antirazziste ed antifasciste; scegliamo di essere complici con quante e quanti in ogni angolo del globo resistono alla paura, alle speculazioni, alle dittature, alle guerre, proponendo pratiche di organizzazione dal basso, pratiche che rifiutano ogni confine, sia esso fisico o mentale.

Evento Facebook

aggiungi all'agendaaggiungi all’agenda

aggiungi all'agenda dal tuo smartphoneaggiungi all’agenda dal tuo smartphone con qrcode reader

VALPREDA INNOCENTE – PINELLI ASSASSINATO

Valpreda innocente, gli amici e i compagni non dimenticano (report video)

Il video della serata in memoria di Pietro Valpreda 6 luglio 2015

registrazione audio a cura di radio radicale

 

Valpreda innocente, gli amici e i compagni non dimenticano

Valpreda innocente. Gli amici e i compagni non dimenticano.

Valpreda perquisito al tribunale di cosenza
“Anche quando avranno scoperto i colpevoli o provato la mia innocenza, non potranno cancellare i segni di ciò che hanno fatto. Spero solo che avvenga molto presto e sono sicuro che molta gente, in avvenire, sarà a doversi scusare ed abbassare gli occhi”
Pietro Valpreda, lettera dal carcere

L’ingiustizia di stato, che Valpreda ha subito sulla sua pelle, si rinnova quotidianamente mutando sotto altre forme.

Pietro ha partecipato alle lotte fin quando ha potuto.

Ci troviamo al Ponte per ricordare nel presente il nostro amico e compagno Pietro Valpreda.

Interverranno:

Non mancherà, con la sua presenza discreta, Pia Valpreda, moglie di Pietro.

Incursioni sonore da parte della mitica banda degli ottoni a scoppio!

Sarà possibile mettere qualcosa sotto i denti, ad offerta libera.

Verranno proiettate alcune scene del film “Faccia da spia” in cui Pietro interpreta se stesso. Il film racconta una serie di operazioni compiute dalla cia nel mondo, c’è anche mezz’ora dedicata alla strage di piazza Fontana, ma subito dopo l’uscita del film nelle sale, la casa produttrice decise di tagliare quella mezz’ora tra cui le scene con Pietro. Le copie della pellicola integrale sono rare, fortunatamente il ponte ne ha una in archivio ed il 6 sera verranno proiettate le scene tagliate.
Di seguito alcuni fotogrammi.

Aderisce Memoria Antifascista.

lunedì 6 luglio ore 20:00
circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa

VALPREDA INNOCENTE – PINELLI ASSASSINATO

Valpreda e Gargamelli al tribunale di CosenzaIn questa foto Valpreda e Gargamelli (il secondo da sx) si recano al tribunale Cosenza, con l’immancabile stalker, maresciallo dei carabinieri, (il primo da sx) e il giornalista Marco Nozza (il primo da dx), vicino alla campagna di verità su piazza Fontana. Non dimentichiamo che assieme a Valpreda, dovettero difendersi dall’infamia di stato anche i compagni Emilio Bagnoli, Emilio Borghese, Enrico Di Cola, Roberto Gargamelli, Roberto Mander.

ANSA: Piazza Fontana: gli anarchici ricordano Valpreda.

Evento Facebook

aggiungi all'agendaaggiungi all’agenda

aggiungi all'agenda dal tuo smartphoneaggiungi all’agenda dal tuo smartphone con qrcode reader

volantino Valpreda pag 1 volantino Valpreda pag 2

Con Valpreda a Genova per Mobilitebio

Valpreda e Decortes a MobilitebioPietro aveva già più di un bypass e il consiglio del medico di stare a riposo, ma quando ci si dovette mobilitare contro TeBio nel maggio del 2000 lui, con la moglie Pia e tutto il Ponte, non si tirò indietro.

“TeBio”: prima mostra-convegno internazionale sulle biotecnologie che si svolse a Genova, non era altro che una vetrina per le multinazionali del settore e l’ennesima occasione propagandistica per chiedere la liberalizzazione dei mercati e la deregolamentazione normativa nei settori dalla produzione al consumo.
A farla da padroni ovviamente le multinazionali europee e americane che sferravano il loro attacco alle libertà delle popolazioni mondiali, puntando sul mercato globale al fine di spostare le produzioni dai paesi più industrializzati a quelli in via di sviluppo, zone franche in cui i diritti umani non sono garantiti, i salari sono più bassi e le questioni etiche non prioritarie. Il tutto senza dare reali benefici alla popolazione del posto, anzi distruggendone buona parte dell’economia locale.
Un refrain che in questi ultimi 15 anni si è più volte riproposto con sempre più forza dirompente e che negli ultimi mesi vede dare il suo colpo finale attraverso quei trattati internazionali, come il TTIP, che puntano ad armonizzare le legislazioni dei paesi, rimuovere gli ostacoli al libero mercato ossia a garantire a questi mostri transnazionali, la libertà di sfruttamento di risorse e lavoro e la commercializzazione dei cosidetti beni comuni, senza più alcun tipo di freno, neanche dalle già deboli resistenze di alcuni gruppi delle istituzioni statali incastrati in quell’abominio di giustizia detto arbitrato internazionale (ISDS).
Sia allora TeBio, che il TTIP oggi, erano avvolti da segretezza, o meglio, totale mancanza di informazione che lasciava e lascia presagire peggiori pericoli.

Furono 3 calde giornate di lotta indette dalla rete Mobilitebio con lo slogan “Il mondo non è in vendita, ribellarsi è naturale”. I rapporti di forza allora erano differenti: i movimenti erano consistenti, attivi e coesi seppure nelle diverse anime a volte enormemente distanti fra loro. Erano in grado di incidere nella vita politica e di portare le proprie argomentazioni all’attenzione di tutti.
Il cuore della mobilitazione fu la manifestazione del 25 col tentativo di sfondare i cancelli della fiera di Genova e portare all’interno di TeBio l’opposizione alle neo politiche ultraliberiste. Numerose furono le azioni simboliche durante il corteo ed il Ponte col suo striscione “Contro i veleni del profitto per l’ecologia della libertà” striscione del Ponte a Mobilitebionon si fece scappare l’occasione di creare insubordinazione ed imprimere nuovi immaginari. Pietro non si tirò indietro, neanche quando la violenza di stato si fece sentire col classico armamentario di manganelli e gas CS e successivamente col suo strascico di denunce e processi.

Allora come oggi c’era una “sinistra” connivente con la visione liberista. Connivenza e di conseguenza l’abiura degli ideali, in nome di una modernità che in quanto tale dovrebbe portare benefici. La lotta noi la facevamo e la facciamo contro l’oppressione che quella idea di “modernità” porta con se, per una diversa concezione della vita.

Le tematiche di Mobilitebio dopo 15 anni sono ancora attuali e il ricordo di Valpreda passa per l’attualità per la campagna No TTIP che ci vede coinvolti.

Ci vediamo lunedì 6 luglio al Ponte: gli amici e i compagni non dimenticano.

Valpreda davanti alla lapide di Pinelli

Foto e video del 13 e del 15 dicembre 2014

15 dicembre

 

13 dicembre