“Venditori di Fumo” al Ponte

"Venditori di Fumo" @ ponte 06-11-2015

“Solo una cosa fa più rabbia della noncuranza con cui un’industria ha devastato ambiente e vite a fini di profitto: l’omertà e la connivenza di chi gliel’ha permesso”!

Venerdì 6 novembre alle 20 ci vediamo al circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa con Giuliano Pavone, autore di “Venditori di fumo” libro che racconta la ferocia con la quale il territorio tarantino e i suoi abitanti siano devastati e condannati a morte in nome del profitto, crocifissi per logiche clientelari e meri calcoli di politica elettorale, immolati alla “nobile” causa dello Stato.
Durante la serata verranno proiettati 2 corti:
“Thriller” di Giuseppe Marco Albano
“SettanTA” di Pippo Mezzapesa

“In una telefonata intercettata, due membri della famiglia Riva, i proprietari dell’Ilva, usano l’espressione “vendere fumo”. Una formula involontariamente emblematica di una vicenda in cui alle emissioni nocive del grande stabilimento si aggiunge la cortina di disinformazione che le ha coperte. Quella di Taranto è rimasta a lungo una tragedia silenziosa, schiacciata sotto il peso del ricatto occupazionale e di “relazioni pericolose” intrattenute dall’Ilva con quelli che dovevano essere i suoi controllori: sindacati, forze dell’ordine, organi di giustizia, stampa e la politica fino ai più alti vertici nazionali. E a partire dal luglio 2012, quando sequestri e inchieste hanno finalmente acceso i riflettori sulla vicenda, dall’occultamento della realtà si è passati alla sua mistificazione. Il caso Ilva oggi viene troppo spesso rappresentato come una semplice vertenza occupazionale o una questione di politica industriale. I drammatici dati di malattia e di morte, che qualcuno contro ogni evidenza mette ancora in dubbio, vengono derubricati a fattore scatenante di un problema squisitamente economico, anziché essere considerati essi stessi il problema. L’Ilva è oggi il terreno su cui si misurano le vere priorità e la credibilità del nostro Paese. Una storia profondamente italiana, fatta di grandi opere e grandi omissioni, di scelte avventate e di malaffare, di cinismo e umanità, ignavia ed eroismo. Non solo Taranto, quindi, ma un caso di scuola che offre strumenti per interpretare alcune delle questioni oggi più dibattute e riflettere a fondo sui rapporti fra politica, potere economico, giustizia e informazione.”

Evento Facebook

aggiungi all'agendaaggiungi all’agenda

aggiungi all'agenda dal tuo smartphoneaggiungi all’agenda dal tuo smartphone con qrcode reader

"Venditori di Fumo" @ ponte 06-11-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *