Per Riccardo Botan

Dal profilo Facebook di Davide Grasso

Per Riccardo Botan

Con la scomparsa di Riccardo perdiamo un amico, un heval. Un heval che diversi di noi hanno conosciuto sul campo di battaglia in Siria, altri qui in Italia nel corso degli anni. Dobbiamo molto a lui, che aveva scelto come secondo nome di battaglia Sandokan, dal nome del partigiano della canzone, nel film di Ettore Scola. Al suo coraggio, alla sua dolcezza, alla sua generosità, alla sua sincerità spiazzante ed estrema.

Botan, non hai mai nascosto le tue sofferenze, le hai sempre condivise con noi. In un modo o nell’altro, tutti ci siamo voluti convincere che saremmo andati avanti insieme. Ora dobbiamo fare autocritica. Chiederci che cosa avremmo potuto fare per esserti più vicini e permetterti di stare meglio. Nessuno è esente da questa riflessione, di fronte alla propria coscienza, ciascuno a suo modo.

Abbiamo imparato con te, in Rojava, che l’autocritica è necessaria per una vita libera e per cambiare sé stessi; e che non basta pensare a questo, né parlarne. Non possiamo che prendere sulle nostre spalle la pesantezza di quanto accaduto, individualmente e insieme, e in qualche modo reagire.

Nulla di tutto questo ti riporterà in vita. Nulla di tutto questo potrà mutare le conseguenze della tua decisione. Nulla ci restituirà il tuo sorriso, la tua voce, il tuo sguardo pieno di interrogativi, di curiosità e di richieste di aiuto.

Eri un ragazzo lombardo orientato alla giustizia e alla libertà. Hai voluto stravolgere lo scenario in cui vivevi e partecipare a una rivoluzione lontana. Ti sei arruolato nelle Ypg. Il tuo coraggio durante la liberazione di Tabqa ha sorpreso e stupito chi di noi ti era vicino. La tua presenza nell’offensiva verso Raqqa e nella battaglia all’interno di quella città ha contribuito a uno degli eventi luminosi di questo secolo: la sconfitta di Daesh ad opera delle Forze siriane democratiche.

Non ti sei tirato indietro quando il governo turco ha attaccato la rivoluzione per cui avevi combattuto. Quando alcuni di noi erano a resistere ad Afrin, sei sceso in piazza in Italia contro quell’aggressione. Non ti è bastato. Hai preso un aereo e sei volato in Iraq, hai attraversato il confine con la Siria sperando di poterti unire al tuo amico Orso, alle altre e agli altri nel cantone in guerra. Quando sei arrivato, veniva evacuato e non hai potuto che fare fronte all’immensa ondata di profughi che giungeva da quei territori, tra cui hai visto i volti di alcuni di noi, sopravvissuti a quello scempio. Sei comunque rientrato nelle Ypg. Dopo qualche mese, hai deciso di vestire gli abiti civili per offrire supporto sanitario nella Mezzaluna rossa curda.

Quando sei tornato in Italia, hai vissuto come un affronto le provocazioni giudiziarie che lo stato imbastiva contro altri internazionalisti italiani. Hai supportato in ogni modo chi era sotto procedimento per la sorveglianza speciale, partecipando alle udienze in tribunale, manifestando alla polizia il tuo disprezzo, camminando nelle manifestazioni, partecipando alle assemblee e alle riunioni.

Quando la Turchia ha minacciato una nuova invasione dei territori confederali, non hai nuovamente esitato: per la terza volta hai raggiunto il Rojava e hai vestito l’uniforme delle Ypg, recandoti al fronte. Non ha avuto luogo l’invasione, in quel caso, e tu sei rimasto a contribuire ancora diversi mesi alla rivoluzione, prima di tornare nuovamente in Italia.

Come nei precedenti periodi, hai avuto difficoltà a trovare lavoro e, quando ne trovavi, a tenerlo. Non riuscivi ad accettare il trattamento malsano che capi e capetti riservano in questo paese. Eri una persona orgogliosa. Senza curarti dei privilegiati e dei parassiti che insultano ogni giorno chi rifiuta le umiliazioni e lo sfruttamento, il disgusto e la resistenza che tu – sempre pronto a darti da fare e pieno di capacità – hai opposto ai padroncini che hai fronteggiato si manifesta adesso in tutto il suo significato.

Sei sempre stato pieno di empatia e creatività, pronto ad aiutare chiunque fosse in difficoltà, poco importa chi fosse, hai sempre avuto un senso morale superiore alla media. Con tutti i difetti che avevi, questo non ti si può negare. La tua vita lo dimostra, e in fondo lo dimostra la stessa difficoltà che hai avuto a stare a questo mondo. Eri inquieto, arrabbiato e hai voluto partire, dopo la Siria, per aiutare i migranti che cercavano di raggiungere l’Europa. Quando sei tornato la tua inquietudine e la tua rabbia non hanno fatto che aumentare, e con esse una tristezza sempre più profonda.

Quando, negli ultimi mesi, il governo russo ha minacciato di invadere l’Ucraina, hai preso contatto con i gruppi libertari che agivano nella società a Kiev. Quando è iniziata la guerra, pur ormai senza passaporto, sei partito per tentare di unirti a loro. Bloccato e arrestato mentre cercavi di attraversare clandestinamente il confine dall’Ungheria, sei dovuto tornare in Italia.

Ci troviamo ora con questa eredità, l’eredità di una persona che non possiamo che ricordare nella sua grandezza. Non hai mai cercato attenzioni pubbliche, sei sempre rimasto nell’anonimato, dove non hai mai smesso di rifiutare i soprusi verso te e verso gli altri e di agire in concreto la solidarietà tra umani vicini e lontani, in un’epoca dove la prevaricazione è la norma e la solidarietà è considerata impossibile.

Hai difeso i valori delle Ypg al fronte, negli ospedali e tra i profughi, con i tuoi hevalen in Italia. Li hai portati dentro di te per tutta la tua vita. Sei stato sepolto con quella bandiera, la nostra bandiera. Non ti dimenticheremo.

Combattenti italiani Ypg

Come d’autunno

Vi invitiamo alla presentazione del libro di Mattia Borsotti “Come d’autunno” – I caduti segratesi nella Grande Guerra. Un saggio sulla rivoluzione e documenti d’archivio.
Domenica 22 gennaio alle 16 a Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa – Viale Monza 255 Milano
Il libretto parte dalla ricostruzione dei caduti segratesi e parla della Prima Guerra Mondiale e dell’avvento del fascismo e delle sue cause. Lo studio parte dalla ricerca dei documenti originali (cioè, per esempio, le leggi che autorizzarono Cadorna e soci a decimare, fucilare gli incerti ecc). Si pone l’accento su come la storia locale, le scienze ausiliarie della storia, ecc confluiscano nella grande storia. Inoltre sono state selezionate parecchie foto relative a quel periodo e alle malefatte ( fucilazioni, invalidi, ecc.) della guerra e del fascismo

Piazza Fontana strage di stato, Valpreda innocente, Pinelli assassinato.

Non dimenticare significa sapere perchè.
Perchè la strage.
Perchè gli anarchici.
Perchè Pinelli.
Perchè Valpreda.
Perchè oggi è come allora.
Perchè la strage ha cambiato volto, ma è ancora con noi.
Nei luoghi del lavoro sfruttato, in fondo al mare, alle frontiere di muri e filo spinato, nell’aria marcia che respiriamo, nella sanità svenduta al profitto.
Ricordare non vuol dire commemorare.
Mai.
Appuntamento in Piazza Fontana accanto alla lapide di Pinelli lunedì 12 dicembre alle 16:30 concentramento e alle corteo fino alla lapide di Saltarelli.
Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa, Osservatorio Democratico sulle Nuove Destra, Spazio Pubblico Autogestito Leoncavallo
Giovedì 15 dicembre alle 21:00 al Leoncavallo con
Salvetti di GKN, Decortes del Ponte della Ghisolfa, Ferrari dell’Osservatorio Democratico e altri ancora.
E inoltre “entrerete in quella stanza del quarto piano….”
Ascolta l’annuncio delle iniziative